Caduta dei denti da latte: quando e come avviene

La caduta dei denti da latte è un momento fondamentale ed emozionante nella crescita e può generare dubbi o ansie sia nei bambini che nei loro genitori.

I denti da latte (o denti decidui) erompono a partire dai sei mesi di età e completano la loro comparsa intorno ai 30 mesi.  La permuta, ovvero la progressiva caduta dei denti da latte, inizia indicativamente a partire dai sei anni di età sebbene non sia infrequente una caduta anticipata (a partire dai 5 anni) o un inizio posticipato (fino ai 7 anni di età).

Perché i denti da latte sono importanti

La presenza dei denti decidui è fondamentale: oltre a consentire una masticazione corretta e a svolgere un ruolo nella formazione nell’apprendimento del linguaggio, infatti, i denti decidui consentono lo sviluppo dei denti permanenti e ne guidano la discesa verso la posizione corretta.

Quando inizia e quando si conclude la caduta dei denti da latte?

A partire dai sei anni inizia la permuta dei denti da latte, i quali cadendo lasciano il posto ai denti definitivi; l’inizio e il termine della caduta dei denti da latte, tuttavia, non è uguale in tutti i bambini. Se alcuni bambini, infatti, perdono il loro primo dentino a 5 anni di età per altri, invece, la permuta non inizia prima dei 7 anni.

Spesso, per motivi non noti, le bambine iniziano la permuta più precocemente rispetto ai coetanei maschi.

Quando la radice del dente definitivo inizia a formarsi, essa spinge il dente a muoversi all’interno dell’osso mandibolare mascellare fino a farlo spuntare dalla gengiva: la crescita del dente permanente si associa al consumo e al riassorbimento della radice del dente deciduo.

La progressiva formazione della sua radice (che si concluderà alcuni anni dopo la loro eruzione) esercita una spinta del dente permanente all’interno dell’osso mandibolare o mascellare e determina dapprima il dondolamento e successivamente la caduta del dentino da latte.

Spesso si pensa che i denti decidui non abbiano una radice: in realtà essa viene consumata e riassorbita durante la crescita del dente permanente e, una volta caduto, è visibile esclusivamente la corona del dente da latte.

Anche lo schema della caduta dei denti da latte varia di bambino e in bambino ma, in linea di massima, è sovrapponibile all’andamento della loro crescita.

In generale, durante la caduta dei denti da latte si distinguono tre momenti fondamentali:

  • Durante la prima fase di permuta (6-8 anni), cadono inizialmente gli incisivi centrali inferiori, seguiti da quelli superiori e, successivamente, dagli incisivi laterali inferiori e superiori, contemporaneamente inizia l’eruzione dei primi molari permanenti.
  • Segue un periodo di arresto fisiologico della dentizione (8-10 anni) durante cui non cade alcun dente da latte: in questa fase si verifica la crescita delle ossa di supporto e la maturazione delle gemme dei denti permanenti.
  • Durante la seconda fase di permuta (10-12 anni) si verifica la caduta dei restanti denti da latte (canini, primi e secondi molari decidui) e la crescita dei secondi molari permanenti in fondo alle arcate.

Il completamento della dentizione permanente, analogamente all’inizio del processo di permuta, può avvenire più precocemente (intorno ai 9 anni), o più tardivamente (intorno ai 13-14 anni).

L’eruzione dei terzi molari permanenti (i “denti del giudizio”) avviene tra i 17 e i 20 anni circa ed è spesso condizionata dallo spazio disponibile inarcata e da posizione ed inclinazione dell’elemento dentario.

Questa variabilità è assolutamente fisiologica e rientrante nella normalità; variazioni più ampie dell’inizio o della fine della dentizione permanente devono essere invece valutate attraverso una visita dentistica approfondita.

Vuoi prenderti cura del tuo bambino? Contattaci e prenota una visita di controllo.

Contattaci per scoprire di più sulla caduta dei denti da latte

Denti da latte e denti permanenti

Esiste quindi, indicativamente tra i 5 e i 13 anni, una fase caratterizzata dalla presenza contemporanea di denti decidui e denti permanenti (detta “dentizione mista”).

Spesso, durante questa fase di transizione, i denti definitivi hanno un colore più giallo rispetto ai denti da latte che può generare preoccupazione nei genitori. In realtà la differenza di colore è dovuta a caratteristiche e composizione dello smalto differenti negli elementi decidui rispetto a quelli permanenti e non deve pertanto destare ansia.

Perché è importante la caduta dei denti da latte?

La caduta dei denti da latte è una tappa fondamentale durante la crescita del bambino: i denti decidui sono più morbidi rispetto a quelli permanenti e questo permette alla mandibola di crescere in maniera armonica; tuttavia, essi consumano più facilmente e sono troppo piccoli in rapporto alle dimensioni della bocca al termine della crescita.

La sostituzione con i denti permanenti è quindi un passaggio importante per garantire una masticazione, una fonazione e una funzionalità corretta della bocca e delle strutture craniche.

I sintomi della caduta dei denti da latte

In generale la caduta dei denti da latte è processo indolore, sebbene possa associarsi a gonfiore e infiammazione delle gengive e, talora, a un lieve rialzo termico. Se le gengive sono gonfie e arrossate può essere utile l’applicazione di ghiaccio.

Il processo può essere più fastidioso quando il dente deciduo stenta a cadere: in questo caso ogni volta che esso si muove determina un leggero trauma della gengiva, che può peggiorare la sintomatologia.

Anche se la caduta del dentino da latte è imminente, resta comunque importante la pulizia accurata: essa deve essere eseguita in modo più delicato spazzolando il dentino con uno spazzolino a setole morbide e dentifricio.

Cosa fare quando cade un dente da latte

Nonostante la caduta di un dente da latte non sia un evento doloroso o traumatico è importante seguire alcune piccole attenzioni, soprattutto in caso di estrazione:

  • Tamponare la ferita con una garza di cotone leggermente bagnata e tenere il tampone premuto con un dito o facendo chiudere i denti al bambino.
  • Quando la ferita ha smesso di sanguinare applicare del ghiaccio.
  • Tenere la bocca pulita lavando i denti in modo delicato evitando risciacqui per non rimuovere il coagulo.
  • Evitare cibi caldi e croccanti.

Alterazioni della caduta dei denti da latte

Caduta precoce dei denti da latte

In alcuni casi (come, ad esempio, un trauma o una carie importante) la caduta del dente da latte può avvenire precocemente: in questo caso è possibile che denti permanenti subiscano delle alterazioni strutturali.

Caduta posticipata dei denti da latte

Quando lo spazio in arcata è scarso, è possibile che la caduta dei denti da latte tardi a verificarsi e che i denti definitivi per erompere seguano una traiettoria alternativa, spuntando dietro al dente deciduo corrispondente.

Nella maggior parte dei casi questa situazione è solo temporanea e si risolve autonomamente grazie alla caduta dei denti da latte e alla spinta esercitata sui denti definitivi da parte della lingua (che li riporta nella giusta posizione). Quando però i denti da latte non cadono o lo spazio disposizione dei denti definitivi non è sufficiente, può essere necessario l’intervento del dentista.

La caduta posticipata dei denti da latte può verificarsi ad esempio in caso di:

  • carie profonde di un dente da latte con pulpite o ascesso
  • trauma pregresso di uno o più denti da latte (che può associarsi a un’alterazione del riassorbimento delle radici del dente deciduo e rappresentare un ostacolo alla crescita del dente permanente)
  • abbozzi di denti soprannumerari (che ostacolano il riassorbimento delle radici dei denti da latte e ostacolano l’eruzione dei denti permanenti)
  • anchilosi dei denti da latte (fusione tra la radice del dente deciduo e l’osso che determina una ridotta crescita ossea nella zona corrispondente al dente deciduo il progressivo abbassamento e scomparsa di quest’ultimo al di sotto della gengiva)
  • agenesia dei denti definitivi

    Vuoi prenotare una visita o desideri informazioni? Contattaci tramite il nostro form.

    Per rimanere sempre aggiornato seguici sui nostri social Facebook e Instagram

    Siamo qui per te.

    Indirizzo

    Sede Legale Corso Alessandro Tassoni 31/A, 10143 Torino (TO)
    Sede Operativa Via Sant’Agostino 36, 10051 Avigliana (TO)

    Acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali?

    Desideri ricevere news e informazioni su come prenderti cura del tuo sorriso al meglio?

    10 + 4 =

    Studio Fasci Srl

    Sede Legale Corso Alessandro Tassoni 31/A, 10143 Torino (TO)
    Sede Operativa Via Sant’Agostino 36, 10051 Avigliana (TO)
    Partita Iva 12209300016
    Codice Destinatario SUBM70N

    011 931 3051
    334 977 6814
    studiodentisticofasci@gmail.com

    Lunedì 08:00 – 12:00
    Martedì 14:00 – 19:30
    Mercoledì 14:00 – 19:30
    Giovedì 08:00 – 12:00 | 14:00 – 19.30

    Studio Fasci Srl

    Sede Legale Corso Alessandro Tassoni 31/A, 10143 Torino (TO)
    Sede Operativa Via Sant’Agostino 36, 10051 Avigliana (TO)
    Partita Iva 12209300016
    Codice Destinatario SUBM70N

    011 931 3051
    334 977 6814
    studiodentisticofasci@gmail.com

    Lunedì 08:00 – 12:00
    Martedì 14:00 – 19:30
    Mercoledì 14:00 – 19:30
    Giovedì 08:00 – 12:00 | 14:00 – 19.30

    Copyright © 2022 Studio Dentistico Fasci srl
    Cookie Policy | Privacy Policy | Powered by Because